Componente
Ordinario

Parco Nazionale del Cilento e Valle di Diano

E’ il parco del Mito: cuore della cultura occidentale, crocevia di spiritualità, religiosità, mistero, cuore della cultura materiale. E’ stato decretato dall’Unesco patrimonio dell’umanità; è il parco della Magna Grecia, di Velia, Parmenide e Zenone; è la culla della dieta mediterranea; è il luogo in cui le cime degli Alburni del Cervati e del Gelbison dialogano con i contrafforti costieri dei monti Bulgheria e Stella; è l’area archeologica di Paestum, delle spiagge di Enea, e della Certosa di San Lorenzo a Padula, un luogo di stupefacente magnificenza. Natura cultura e spiritualità qui si intrecciano e si sovrappongono nei luoghi e nelle tradizioni. Nell’’Abbazia di Santa Maria di Pattano che segna la presenza antichissima di monaci di rito greco-orientale nel Santuario della Madonna di Novi, luogo di devozione tra i più simbolici e visitati della Campania, nei Monti di Pietà e nei Santuari Rupesti, quello di San Mauro Martire e di Santa Maria a Magliano Vetere. Forte dei suoi straordinari valori di biodiversità, della sua estensione di oltre 180 mila metri quadrati che accorpano 95 comuni, con le aree marine di Castellabate e Costa degli Infreschi e Masseta, il Parco dal 2010 è anche Riserva Mondiale della Biosfera. Nel marchio è raffigurata la primula di Palinuro, ma la flora e la fauna sono di una varietà preziosa e commovente: dal gatto selvatico alla valle delle orchidee con oltre 72 specie autoctone, alla rosa di Paestum, quella cantata da Virgilio, di cui si è recuperata la coltivazione. Ma il Parco, oggi governato da Amilcare Troiano, è anche un sistema sociale ed economico complesso e vivace, un modello di sviluppo che poggia sull’ospitalità del turismo sostenibile e sulle tante forme del fare: dall’artigianato degli scalpellini di Centola al ricamo ai cantieri costieri, dalla cesteria ai prodotti di fornace, di fucina e di cava, fino all’enogastronomia con i due must, il caciocavallo podolico e la mozzarella. Luogo di contrasti tra le dolcezze mediterranee e le aspre vertigini con le Sorgenti del Sammaro, i canyon delle grotte del Bussento e l’affondatore Vallivona; luogo di modernità e di misteri, di natura selvaggia con le grotte dell’Angelo a Pertosa, un risucchio lontano 35 milioni di anni fa, e l’arte contemporanea negli hortus conclusus dei monaci di Padula. Per continuare ad essere parco del Mito.

 


 


Parco Nazionale del Cilento e Valle di Diano
Piazza S.Caterina, 8
84078 Vallo della Lucania (SA)
www.cilentoediano.it

Progetti Correlati

Progetto

Il progetto nazionale di promozione del patrimonio ambientale del Paese in collaborazione con le fatine Winx della casa di produzione marchigiana Rainbow ha raccontato a famiglie e bambini il prezioso valore del mare attraverso le Aree Marine Protette italiane
15 Mag 2013

Articoli Collegati

15 Set 2020

Ermete Realacci| Il Corriere della Sera