Componente
Ordinario

Associazione I Borghi più belli d’Italia

L’Associazione I Borghi più belli d’Italia nasce nel 2002 all’interno della Consulta del Turismo dell’A.N.C.I. allo scopo di valorizzare e promuovere il grande patrimonio di storia, arte e cultura presente nei centri minori italiani. Ne fanno parte  315 Borghi selezionati e certificati, rappresentanti di quel Made in Italy inteso come espressione dell’eccellenza italiana.

L’Associazione è nata dall´esigenza di valorizzare il grande patrimonio di Storia, Arte, Cultura, Ambiente e Tradizioni presente nei piccoli centri italiani che sono, per la grande parte, emarginati dai flussi dei visitatori e dei turisti. Una valorizzazione da realizzare insieme ai cittadini stessi e agli amministratori pubblici. Sono infatti centinaia i piccoli borghi d´Italia che rischiano lo spopolamento ed il conseguente degrado a causa di una situazione di marginalità rispetto agli interessi economici che gravitano intorno al movimento turistico e commerciale.

La “Carta di Qualità” dell’Associazione seleziona un circuito turistico di eccellenza, composto da Comuni uniti sotto un unico marchio e logo, la cui attività di accoglienza turistica, manutenzione e sviluppo, è costantemente monitorata. Nella Carta di Qualità si definiscono le modalità di attribuzione del marchio de I Borghi più belli d’Italia e i criteri di ammissione al Club. Per essere eleggibile il Borgo deve:

  • possedere un patrimonio architettonico e/o naturale certificato da documenti in possesso del Comune e/o dalla Sovrintendenza delle Belle Arti. Gli edifici storici devono prevalere sull’insieme della massa costruita e dar luogo ad un complesso esteticamente omogeneo;
  • offrire un patrimonio che si faccia apprezzare per qualità urbanistica e architettonica;
  • manifestare attraverso fatti concreti una volontà e una politica di valorizzazione, sviluppo, promozione e animazione, rispondente a determinati criteri.

In oltre 15 anni di attività, l’Associazione è andata ben oltre le aspettative che portarono alla sua fondazione ed è divenuta un vero e proprio marchio culturale e turistico a caratura internazionale. Non è un caso che l’ISTAT nel suo Rapporto 2015 sul Patrimonio Culturale del Paese ha inserito I Borghi più belli d’Italia fra i 10 indicatori del patrimonio culturale e paesaggistico.

Nell’aprile 2019 l’Associazione de I Borghi più belli d’Italia ha ottenuto la certificazione ISO 9001  relativamente ai “servizi finalizzati alla valorizzazione, mantenimento e recupero del patrimonio culturale nazionale di memorie e monumenti, ed alla promozione turistica dei Comuni aderenti”. L’organismo certificatore, la TÜV Italia, ha in particolare focalizzato la sua attenzione sul processo di valutazione dei Borghi, sulla Carta di Qualità, sui criteri e i valori di riferimento della stessa, oltre che sui processi di verifica periodica del mantenimento dei requisiti di adesione e l’uso del logo. In breve, “una certificazione della certificazione”, che riconosce all’Associazione la capacità di riconoscere e valorizzare l’eccellenza.

Infine, I Borghi più belli d’Italia ha costituito la Federazione Internazionale  “Les plus beaux Villages de la Terre”, insieme alle analoghe associazioni di  Francia, Vallonia (Belgio), Giappone, Spagna. Partecipano alle attività della Federazione come membri associati Sassonia (Germania), Svizzera,  Russia e Libano e come paesi osservatori anche Cina e Portogallo. Attraverso la Federazione si intendono raggiungere a livello mondiale gli stessi obiettivi che ogni associazione persegue a livello nazionale, coinvolgendo sempre più paesi ad investire nella valorizzazione dei piccoli centri storici o rurali d’eccellenza.

I borghi più belli d’Italia
Via Ippolito Nievo 61
00153 Roma
Tel. 06 45650688
borghipiubelliditalia.it

Instagram Facebook Twitter

Articoli Collegati

Fondazione

L’Associazione, presieduta da Fiorello Primi, che conta oltre 300 Borghi selezionati e certificati, espressione dell’eccellenza italiana, aderisce a Fondazione Symbola.

06 Apr 2021