user

Claudio Astorri

Consulente Radiofonico e professore presso il Master in Comunicazione Musicale della Università Cattolica di Milano. Socio fondatore e station manager di RTL 102.5 tra il 1998 e il 1993. Nel 1994 supervisore di Finelco (Radio 105, RMC e 105 Classic), poi consulente editoriale di Radio 101, Rai International e Radio Italia Network. Start-upper di RADIO 24 dal 1998. Station manager di RDS dal 2001 al 2004. Startupper di R 101 per Mondadori dal 2004, poi consulente di Elemedia (Radio DeeJay, Radio Capital e M20). Ora consulente di Direzione di RAI Radio 2.

Ricerche Collegate

Articoli Collegati

Opinioni

Durante la pandemia la radio ha perso piccole quote di ascolto ma, nonostante le perdite del 30% della raccolta pubblicitaria, il saldo radiofonico complessivo è accettabile, grazie alla fruizione capillare attraverso nuovi canali. Malgrado le criticità, sono avvenute sperimentazioni interessanti a vantaggio dell’ibridazione tra mondo audio e video. Il futuro della radio è anche nell’informazione e nella valorizzazione delle culture locali.

12 Ago 2021

Opinioni

Come ha reagito all’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 il primo mezzo di comunicazione per numero di ascolti (tra i 14 e i 54 anni) di questo Paese? La radio è stata colpita dal virus nella sua parte più attiva, quella della fruizione in mobilità, ma ha saputo reagire con la crescita nell’ascolto da casa, incrementando livelli di informazione e di interattività. Il pubblico ha apprezzato e ora accompagna il mezzo nel passaggio alla “nuova normalità”, forte della sua resilienza e di un decennio importante.

03 Giu 2020
16 Set 2019

La radio trionfa definitivamente nel 2018 come mezzo di comunicazione più seguito in Italia nella fasce di età compresa tra i 15–54 anni

28 Ago 2018

A cura di Claudio Astorri – Consulente radiofonico e Professore a contratto presso l’Università Cattolica di Milano.