Storie

SALVA

Università di Bologna | Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali (DICAM)

Il focus su cui il DICAM sta lavorando è quello dell'ottimizzazione delle tecnologie per il restauro. Il Dipartimento bolognese è infatti impegnato a sviluppare diversi progetti in partnership con altri atenei ed aziende per innovare sia nello sviluppo di materiali che nei processi di monitoraggio.

17 Nov 2020 Redazione

Studiare la struttura degli edifici significa garantirne la sicurezza: questo infatti è uno dei principali ambiti di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali (DICAM) dell’Università di Bologna, che con Fassa Bortolo porta avanti un progetto sul rinforzo strutturale con materiali compositi (fibre di carbonio, vetro e acciaio), ovvero materiali che consentono interventi più leggeri e meno impattanti. L’obiettivo è curare la qualificazione dei prodotti principali dell’azienda veneta per il rinforzo di edifici in muratura, anche con rilevanza storica. 

Altro tema fondamentale presidiato dal Dipartimento dell’Università di Bologna è il monitoraggio delle strutture: insieme ad altri atenei (Università di Roma Tor Vergata, di Bergamo, Politecnico di Torino e di Milano) e aziende leader nei propri settori, come STMicroelettronics e Sacertis, i ricercatori stanno sviluppando progetti nazionali che puntano a dotare il mondo del restauro di strumenti con costi fino a dieci volte inferiori rispetto a quelli tradizionali. Queste nuove apparecchiature si basano sui MEMS: micromemorie (le stesse utilizzate dai nostri telefonini) a basso costo ma capaci di rilevare sia inclinazioni che accelerazioni anomale. Le informazioni raccolte vengono poi tradotte da una serie di algoritmi numerici che consentono di verificare possibili insorgenze di danni. 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Storie

Dalla lagunare Venezia alla Roma imperiale, passando per le macerie de L’Aquila, la Di Vincenzo Dino & C. ha dimostrato in oltre 70 anni di attività un alto livello di competenze sviluppato proprio nel settore del recupero e restauro.

17 Nov 2020

Storie

Ibix è il nome dell’azienda che è dietro la fornitura di tecnologie e prodotti utilizzati nei processi di recupero e restauro dei principali monumenti storici di quasi tutto il mondo: l’azienda emiliana ha contribuito al restauro delle principali icone capitoline di Francia, Italia e USA.

17 Nov 2020

Storie

Gexcel sviluppa servizi per la diagnostica principalmente attraverso il sapiente uso della tecnologia laser. HERON e Reconstructor sono i nomi di due delle innovazioni che trovano valida applicazione nel mondo del restauro, come dimostrato per i rilievi del Tempio di Belen in Perù.

17 Nov 2020

Storie

Nel segno della qualità sono già oltre 18.000 gli edifici che in tutta Italia possono fregiarsi della certificazione CasaClima. Nel settore del restauro il certificato “CasaClima R” va a premiare quegli interventi che puntano all’efficientemento energetico, nel rispetto dell’identità originale degli edifici.

17 Nov 2020