Rassegna

SALVA

Riciclo, nessuno come l’Italia in UE: Settore cartario leader nell’economia circolare

La Repubblica

12 Apr 2021 Redazione

2021.04.12_larepubblica.economiacircolare.pdf - 636.99 Kb

Italia prima della classe in Europa. Il nostro Paese ha la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti, pari al 79%, con un’incidenza più che doppia rispetto alla media Ue e ben superiore a tutti gli altri grandi Paesi europei (la Francia è al 56%, il Regno Unito al 50%, la Germania al 43%). Non solo. L’Italia è anche uno dei pochi Paesi europei che dal 2010 al 2018, nonostante un tasso di riciclo già elevato, ha comunque migliorato le sue prestazioni (+8,7%). Nel riciclo industriale delle cosiddette frazioni riciclabili classiche (acciaio, alluminio, carta, vetro, plastica, legno, tessili) è il Paese europeo con la maggiore capacità di riciclo anche in valore assoluto, superiore alla stessa Germania. A differenza di altre grandi nazioni del continente, l’Italia è un importatore netto di materie seconde ed ha esportazioni molto contenute sia di plastiche che di carta.L’intera filiera del riciclo, dalla raccolta alla preparazione fino al riciclo industriale, vale complessivamente oltre 70 miliardi di euro di fatturato in termini economici ed occupazionali, con 14,2 miliardi di valore aggiunto e oltre 213mila occupati. Il recupero di materia nei cicli produttivi permette un risparmio annuo pari a 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio e a 63 milioni di tonnellate di CO2.Il caso della filiera cartaria Il sistema cartario è uno dei settori industriali leader nell’economia circolare, nell’uso di risorse rinnovabili e nella capacità di riciclo. Riciclo, economia circolare e uso di materiali rinnovabili rappresentano uno strumento fondamentale anche per conseguire obbiettivi di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di CO2, come viene raccontato nel dossier “L’economia circolare italiana per il Next Generation Eu” realizzato da Fondazione Symbola e Comieco. Il recupero e riciclo della materia seconda riveste un ruolo fondamentale per l’industria manifatturiera nazionale. Le materie prime dell’industria manifatturiera italiana sono prevalentemente “materie prime seconde” recuperate dalla differenziazione di rottami, maceri, rifiuti recuperati postproduzione o post-consumo. Se guardiamo all’insieme delle produzioni siderurgiche e metallurgiche scopriamo ad esempio che la quota di materia prima seconda supera il 90%. Crescente e talora dominante è anche il ricorso a materia seconda nella produzione cartaria, vetraria, plastica e in alcuni settori dell’arredamento.

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Continua a leggere

21 Set 2021

Sole 24ore | Giovanna Mancini

21 Set 2021

Corriere della Sera | Franco Iseppi

17 Set 2021

La Stampa. Cuneo