Rassegna

SALVA

Realacci: Manifesto di Assisi per affrontare la sfida ambientale

Sanfrancescopatronoditalia.it

22 Apr 2020 Stampa

La finanza soffoca l’economia reale

In occasione della Giornata della Terra (Earth Day) è importante ricordare uno dei paragrafi più importanti e coraggiosi della Laudato Sì: “la finanza soffoca l’economia reale. Non si è imparata la lezione della crisi finanziaria mondiale e con molta lentezza si impara quella del deterioramento ambientale”.

Un rischio che si corre anche di fronte alla tempesta del Coronavirus. Esistono le condizioni perché questo non accada, perché con responsabilità e concretezza si imbocchi una strada nuova, perché “non c’è nulla di sbagliato in Italia che non possa essere corretto con quanto di giusto c’è in Italia”.

Per affrontare la sfida che ci attende oltre a un imponente intervento pubblico e ad un pieno coinvolgimento del terzo settore, serve una efficace partecipazione di persone e imprese allo sforzo comune. Già prima della crisi covid oltre 432.000 imprese italiane dell’industria e dei servizi con dipendenti hanno investito nel periodo 2015-2018, come si legge nel rapporto GreenItaly di Symbola e Unioncamere, in prodotti e tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2.

Nel 2018 il numero dei green jobs in Italia ha superato la soglia dei 3 milioni: il 13,4% del totale dell’occupazione complessiva. Come dimostra una recente ricerca dell’Università di Oxford e della School of Entreprise and Environment, l’Italia, assieme a Cina, Stati Uniti e Regno Unito, è tra i paesi che potrebbero “vincere alla grande nella transizione globale verso un’economia green nei prossimi decenni” come dimostra una recente ricerca dell’Università di Oxford e della School of Entreprise and Environment.

L’Italia sarebbe addirittura prima come potenziale.
Difendere l’ambiente e affrontare con coraggio la crisi climatica non è solo necessario ma rappresenta una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d’uomo e per questo più capaci di futuro. Sono anche queste le ragioni che hanno spinto la Fondazione Symbola insieme al Sacro Convento di Assisi e ai promotori (Ermete Realacci, Padre Enzo Fortunato, Vincenzo Boccia, Ettore Prandini, Francesco Starace, Mauro Gambetti, Catia Bastioli) a dare vita al Manifesto di Assisi che ha raggiunto, ad oggi, 3000 adesioni.

Per leggere e sottoscrivere il Manifesto: www.symbola.net/manifesto
Occorre creare una sintonia tra identità e istanze del futuro che negli anni bui della crisi è diventata una reazione di sistema, una sorta di missione produttiva indicata dal basso, spesso senza incentivi pubblici, da una quota rilevante delle nostre imprese. Una scelta non scontata, soprattutto in tempi di crisi, che si basa su investimenti e produce lavoro. Una scelta coraggiosa e vincente.

Per le imprese, che investendo diventano più sostenibili e soprattutto più competitive. E per il Paese, che nella green economy e nell’economia circolare ha riscoperto antiche vocazioni (quella al riciclo e all’uso efficiente delle risorse) e ha trovato un modello produttivo che grazie all’innovazione, alla ricerca, alla tecnologia ne rafforza l’identità, le tradizioni, ne enfatizza i punti di forza. Un modello produttivo e sociale che offre al Paese la possibilità di avere un rilevante ruolo internazionale”. Lo ha dichiarato Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola in occasione della Giornata della Terra. “È quest’Italia la protagonista di GreenItaly – conclude Realacci – il rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere della green economy tricolore, che attraversa tutti i settori e coinvolge tutte le filiere produttive.

Già prima della crisi sSono oltre 432.000 le imprese italiane dell’industria e dei servizi con dipendenti che hanno investito nel periodo 2015-2018 in prodotti e tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. Un’Italia che fa l’Italia, senza lasciare indietro nessuno, senza lasciare solo nessuno”.

Continua a leggere l’articolo qui

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Continua a leggere

23 Lug 2021

La Nazione. Grosseto