Storie

SALVA

OMR Holding

L’azienda di Brescia produce telai, basamenti per motori e altri componenti per l’automotive.

08 Lug 2020 Stampa

16 stabilimenti in 5 continenti e 3.200 dipendenti: sono questi i numeri di OMR (Officine Meccaniche Rezzatesi). L’azienda di Brescia produce telai, basamenti per motori e altri componenti per l’automotive. La scelta di puntare su innovazione tecnologica e leghe leggere come l’alluminio ha portato la OMR a fornire le più prestigiose case automobilistiche al mondo: BMW, Audi, Bugatti, Lamborghini, Aston Martin e Maserati. OMR è inoltre produttrice unica dei telai Ferrari, di cui è sponsor in Formula 1. Dal 2007 ha iniziato a sviluppare telai in alluminio con spessore di 4-5 millimetri. Oggi è in grado di realizzare telai con spessori di 2,7 millimetri. Ciò si traduce in maggiore leggerezza, minore materia prima e meno emissioni. Per ogni kg di alluminio che si utilizza al posto dell’acciaio, si risparmia 1 kg di peso sull’intero veicolo e 17 kg di CO2 in tutto il ciclo di vita della vettura. Un alleggerimento che nei veicoli elettrici, privi dell’ingombro del motore termico, va di pari passo con la riconfigurazione delle loro forme. Forte di collaborazioni con centri di ricerca come il CNR, il CSMT e le Università di Brescia, Modena e Bologna, sostiene dal 2016 la Formula SAE Italy e Formula Electric Italy, competizione tecnico-sportiva internazionale per studenti di ingegneria, chiamati a misurarsi con la costruzione di un prototipo monoposto da competizione.

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

10 Mag 2021

Porta avanti dal 2001 il progetto SardiNIA-ProgeNIA, una delle più complete analisi genetiche mai effettuate su una singola popolazione

10 Mag 2021

Leader mondiale nel settore della ventilazione polmonare, è l’unica azienda italiana produttrice di macchinari per ogni possibile ambito in cui sia richiesta la ventilazione assistita

Storie

10 Mag 2021

Interpreta e classifica le onde cerebrali generate dal movimento immaginato, attraverso un software basato sull’IA e grazie a sensori indossabili

10 Mag 2021

Ha ricostruito, con strutture polimeriche naturali nanofabbricate su cui sono state innestate le colture di microbiota intestinale, un modello che replica la generazione e l’evoluzione del microbiota intestinale umano