Storie

SALVA

NAIS | Nextant Applications & Innovative Solutions

Grazie al suo expertise eterogeneo, la NAIS offre servizi anche volti alla tutela e conservazione del patrimonio architettonico ed artistico. Con avanzate tecnologie in grado di tracciare in tempo reale lo stato di deterioramento delle superfici, i software sviluppati dall'azienda laziale riescono anche a prevederne lo sviluppo futuro.

17 Nov 2020 - Redazione

Fondata nel 2005, NAIS è una società di sistemi ICT che sviluppa sistemi e servizi innovativi per vari settori di mercato (EMS, aeronautica, navigazione, infrastrutture), integrando servizi da asset satellitari, IoT, mobile computing, UAV, con altre tecnologie disponibili e competenze di dominio. Le competenze nel settore aerospazio, congiuntamente alle tecnologie ICT, hanno così permesso lo sviluppo di soluzioni tecnologiche nel campo dei beni culturali. A conclusione del progetto ArTeK, cofinanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana nell’ambito del programma Business Applications dell’Agenzia Spaziale Europea, è nata la piattaforma St’ART®, oggi operativa sul mercato, che si avvale di web e cloud per erogare servizi di salvaguardia per i beni culturali. 

Le informazioni sono derivate dall’uso di tecnologie di osservazione della terra (satelliti ottici e radar), sistemi UAV e sensori in loco, per monitorare minacce territoriali note, individuarne di nuove e per approfondire la conoscenza del degrado superficiale. I risultati sono consultabili come report e layer geo-spaziali sulla piattaforma (dotata di GIS), interoperabile con il sistema Carta del Rischio (ICR – MiBACT). St’ART® mette anche a disposizione servizi di fruizione. Attraverso l’uso di un’APP mobile, oltre a informazioni di visita, grazie al tracciamento anonimo dei visitatori sono raccolti dati (consultabili da piattaforma) che permettono di conoscerne il comportamento di questi ultimi e, quindi, capire quali siano le aree più sottoposte a pressione antropica. 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Storie

Dalla lagunare Venezia alla Roma imperiale, passando per le macerie de L’Aquila, la Di Vincenzo Dino & C. ha dimostrato in oltre 70 anni di attività un alto livello di competenze sviluppato proprio nel settore del recupero e restauro.

17 Nov 2020

Storie

Ibix è il nome dell’azienda che è dietro la fornitura di tecnologie e prodotti utilizzati nei processi di recupero e restauro dei principali monumenti storici di quasi tutto il mondo: l’azienda emiliana ha contribuito al restauro delle principali icone capitoline di Francia, Italia e USA.

17 Nov 2020

Storie

Le attività del CNR sui Beni Culturali sono confluite dal 2019 nel ISPC. Con 7 sedi in tutta Italia e quasi 200 dipendenti provenienti dal mondo scientifico ed umanistico, l’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale promuove le proprie ricerche e progetti anche nel settore del restauro.

17 Nov 2020

Storie

Gexcel sviluppa servizi per la diagnostica principalmente attraverso il sapiente uso della tecnologia laser. HERON e Reconstructor sono i nomi di due delle innovazioni che trovano valida applicazione nel mondo del restauro, come dimostrato per i rilievi del Tempio di Belen in Perù.

17 Nov 2020