Rassegna

SALVA

Milano. Economia circolare, nasce una start up innovativa

Avvenire.it

22 Giu 2020 - Stampa

CONTINUA A LEGGERE

Milano. Economia circolare, nasce una start up innovativa | Avvenire.it

2020.06.22.Avvenire.Milano_economia_circolare_start_up_innovativa.pdf - 207.85 Kb

Siglato un accordo tra Aida Partners e Lendlease per la creazione di un hub di formazione e ricerca sui temi della sostenibilità

Aida Partners, società di relazioni pubbliche e comunicazione d’impresa, e Lendlease, società concessionaria per l’area Mind-Milano Innovation District, siglano un accordo per lo sviluppo di un progetto di formazione e ricerca legato al tema dell’economia circolare. Aida Partners punta così a sviluppi che sappiano valorizzare le capacità di innovazione nella formazione multilivello per tutti coloro che vogliano modificare il paradigma del fare impresa nonché percorrere nuovi sbocchi professionali. Dal Rapporto Greenitaly 2019 della Fondazione Symbola e di Unioncamere risulta infatti che negli ultimi cinque anni più di 430 mila imprese, per superare la crisi, hanno investito nella green economy. Nel solo 2019 record di investimenti con un +21%. L’occupazione «verde» nel 2018 è cresciuta di oltre 100 mila unità, superando i tre milioni di occupati, il 13,5% della forza lavoro. L’Italia prima in Europa per il riciclo dei rifiuti: il 79% del totale (la maggior parte si tratta di riciclo da rifiuti industriali). Più del 40% delle aziende italiane ha già introdotto nel packaging utilizzato per i propri prodotti degli imballaggi composti integralmente da materiale riciclato. Una azienda italiana su tre offre sul mercato prodotti che sono riciclabili per oltre il 70% del materiale che li compone.

«Il cerchio si chiude – spiega Marco Delle Donne , amministratore delegato di Aida Partners -. Entrando a far parte di questo progetto che ci vede protagonisti, attraverso la nostra business unit Circolare, in Mind, in cui importanti funzioni pubbliche con la presenza di centri di ricerca e aziende private, da multinazionali a start up punteranno su ricerca e nuove tecnologie faranno di questo ecosistema un luogo unico anche a livello internazionale».

Un luogo mai progettato prima dove far convergere le frontiere della scienza, della conoscenza e dell’innovazione per dar vita in Italia ad uno dei maggiori distretti al mondo dedicati al nostro futuro.

«Un luogo – continua Delle Donne – in cui le nostre pluriennali esperienze e competenze nella sostenibilità, nell’economia circolare e nella comunicazione verranno canalizzate e rese disponibili a tutti coloro che contribuiranno a rendere Milano, la Lombardia e l’intero sistema Paese competitivi su temi fondamentali del nostro futuro. Circolare vuole essere una piattaforma di servizi e soluzioni per lo sviluppo delle buone pratiche e della conoscenza, mettendo in campo una operazione che parte dalla necessità di fare formazione, attraverso lo sviluppo di processi di trasformazione digitale, affiancando le aziende per progettare il business sostenibile del futuro e facendo ricerca e innovazione attraverso nuovi servizi e soluzioni».

«Lendlease sarà il punto di accesso da parte delle aziende private che vorranno entrare in Mind – sottolinea Andrea Ruckstuhl, Head of Italy and Continental Europe di Lendlease – e fare parte di questo ecosistema dell’innovazione. Come Lendlease abbiamo l’obiettivo e l’ambizione di rendere Mind un luogo in cui la connessione e lo scambio di idee, conoscenze e servizi innovativi possano migliorare la qualità della vita delle generazioni future, far nascere soluzioni all’avanguardia per il benessere delle persone e favorire una crescita sostenibile e di lungo termine».

«Entro questa estate si procederà inoltre allo spin off della business unit Circolare con la costituzione dell’omonima start up innovativa la cui sede naturale sarà Mind – evidenzia Delle Donne – in cui confluiranno a livello societario partner di comprovata esperienza nella formazione sui temi della sostenibilità, della finanza strutturata e di sviluppo, dell’editoria e della comunicazione di contenuti, sia in ambito nazionale che internazionale, per promuovere la diffusione delle conoscenze, favorire il dialogo e le sinergie possibili tra gli attori italiani della sostenibilità e mappare le buone pratiche, il tutto basato su una piattaforma di formazione e-learning altamente qualificata e funzionale».

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Continua a leggere

22 Ott 2020

Adnkronos

22 Ott 2020

Federico Pacella | Il Giorno

21 Ott 2020

la Repubblica