Rassegna

SALVA

L’Italia è seconda in Europa per copertura forestale: 200 milioni di alberi in 10 anni per sostenere la biodiversità

la Repubblica

21 Dic 2020 Redazione

CONTINUA A LEGGERE

L’Italia è seconda in Europa per copertura forestale: 200 milioni di alberi in 10 anni per sostenere la biodiversità | la Repubblica

L’Italia-è-seconda-in-Europa-per-copertura-forestale-200-milioni-di-alberi-in-10-anni-per-sostenere-la-biodiversità.pdf - 114.80 Kb

Una gestione forestale sostenibile nella transizione verde europea e nel contrasto alla crisi climatica. E’ il tema di fondo del rapporto “Boschi e foreste nel Next Generation EU” redatto da Fondazione Symbola, Coldiretti e Bonifiche Ferraresi. L’Italia è oggi con 11,4 mln di ettari e il 38% della sua superficie territoriale il secondo tra i grandi paesi europei per copertura forestale. Ogni anno le foreste italiane sottraggono dall’atmosfera circa 46,2 mln di tonnellate di anidride carbonica, che si traducono in 12,6 mln di tonnellate di carbonio accumulato. Il carbonio organico accumulato nelle foreste italiane è pari a 1,24 mld di tonnellate, corrispondenti a 4,5 mld di tonnellate di anidride carbonica. E in città le piante possono ridurre le temperature e rimuovere ozono e polveri sottili, queste ultime in gran parte responsabili delle 60 mila morti premature che ogni anno avvengono in Italia a causa dell’inquinamento atmosferico.

Un contributo dei boschi e delle foreste italiane alla sostenibilità, alla sicurezza e alla bellezza destinato a crescere con la piantumazione nei prossimi 10 anni di più di 200 mln di alberi come contributo nazionale alla “Strategia europea per la biodiversità 2030”, che prevede di piantare 3 miliardi di alberi nei paesi dell’Unione.

“Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può avere nei boschi e nelle foreste uno dei suoi punti di forza – dichiara il presidente della Fondazione Symbola, Ermete Realacci – a partire da un’alleanza tra pubblico, privato, comunità e cittadini. Gli alberi riducono una parte delle emissioni di CO2, danno più qualità e abbattono l’inquinamento nelle città, possono rafforzare la filiera del legno importante per il Made in ITALY. La quota più rilevante del Next Generation UE (il 37%) è proprio destinata alla transizione verde. La biodiversità e la bellezza sono una parte essenziale di quell’economia a misura d’uomo che è il cuore del Manifesto di Assisi promosso dalla Fondazione Symbola e dal Sacro Convento”.

 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

22 Ott 2021

Avvenire | Maurizio Carucci

21 Ott 2021

Sky video

21 Ott 2021

Avvenire