Opinioni

SALVA

L’arrivo di Ronaldo come metafora del Paese

L’arrivo di Ronaldo come metafora del Paese: quante volte spacciamo per campione un bidone? E quante leve muove invece un bidone? Ecco, Franceschino Risatti, il sindaco di Limone sul Garda, e’ un campione. Il suo gol, che vale per tutti: la pista ciclabile piu’ bella del mondo. Intanto Askoll conquista la borsa.

14 Lug 2018 Redazione

Notizie mirabolanti da Ronaldopoly. Si e’ scoperto che l’arrivo di un grande giocatore fa vendere piu’ magliette, e quindi adesso ci si interroga sul valore di tanti che, spacciati per campioni, di sicuro costati come campioni, si sono dimostrati dei bidoni. Altra scoperta sorprendente, che in Trentino Alto Adige si rifiutano di registrare come sorprendente, visto che da anni hanno deciso di investire sui ritiri delle squadre, e pure Bormio, che non e’ in quella regione, fa affaroni coi tifosi del Torino che non hanno afflizioni bianconere: la gente si muove per vedere un campione, e in trasferta va al bar, persino al ristorante, certe volte addirittura in albergo.

Completamente ipnotizzati, una volta da Ronaldo, un’altra volta da chi fa il vigile in mare, non ci stiamo accorgendo che la vera storia italiana e’ la bicicletta. Siamo il paese di ”hai voluto la bicicletta? E allora pedala!”, di Ladri di biciclette, di aziende leader mondiali nel settore, di artigiani leader mondiali nel settore, di Coppi e di Bartali, di Mosersaronni e di Bugnochiappucci, di Gimondi, del Processo alla Tappa di Sergio Zavoli, del Giro d’Italia, di Pantani, di museo del ciclismo che sono dappertutto, collezioni di passioni popolari.
Siamo il Paese numero 2 al mondo per numero di biciclette messe a disposizione del pubblico dai servizi di bike sharing e siamo, indagini di Clas, un Paese in cui quasi un milione di persone va al lavoro in bicicletta, esprimemendo cosi’ il suo voto per una nuova mobilita’, un nuovo rapporto col territorio, meno inquinamento, maggiore integrazione col trasporto pubblico. Oggi persino sui Frecciarossa si incontrano i commuter in bicicletta. E’ un mercato da…Ronaldo: 8 miliardi di Euro.

E da questo fine settimana ecco la brande bellezza: non un gol in rovesciata, ma il primo tratto della ciclabile del Lago di Garda, gia’ considerata la piu’ bella del mondo, due km totalmente a sbalzo sul lago, tanto che sembra di pedalare, e camminare, sulle acque come fu possibile sul lago d’Iseo grazie alle passerelle di Christo. Qui la realizzazione e’ persino piu’ ardita: la pista, quasi 3 metri di larghezza, e’ attaccata al costone perpendicolare della montagna e corre a 50 metri sul lago. Rifiutando di essere a Ronaldopoly, e con l’idea piuttosto di avere la responsabilita’ di fare le cose, invece che di parlarne, il sindaco di Limone, Franceschino Risatti,nell’invitare i suoi colleghi a darsi una mossa per completare il percorso di 12 km, parte della pista dell’Alto Garda che avra’uno sviluppo di ottanta km, ha detto: “Ogni anno arrivano un milione e 300 mila turisti, specie dal Nord Europa. La pista e’ un’attrazione che potrebbe fare impennare questo numero a beneficio di tutta l’economia del territorio”.

Particolari non secondari: per realizzare la pista non e’ stata chiusa la strada, dunque tutto il team di lavoro ha lavorato di fine, con soluzioni anche ingegnieristiche che dimostrano l’eccellenza del risultato garantito da un buon gioco di squadra. I soldi ci sono: bisogna saperli impiegare bene. E qui usciamo anche dall’equivoco: si parla di Ronaldopoly non per contestare l’arrivo del portoghese, nell’operazione della Juventus, calcisticamente e ancor piu’ aziendalmente perfetta, quasi non italiana verrebbe da dire, al contrario per sbertucciare la sorpresa di chi si accorge che le cose funzionano in una certa maniera, che i fondi bisogna sapere utilizzarli, che bisogna avere una certa progettualita’, ovvero visione e anche previsione di quello che si vorrebbe essere, o offrire come servizi, nel futuro.

Di sicuro va rubricata come notizia proveniente da Ronaldopoly anche lo sbarco in borsa, segmento Aim, della Askoll Eva di Dueville in provincia di Vicenza che produce bici elettriche, raccontandole oltre tutto in maniera divertente, ad esempio esaltando quanto sia divertente fare il …pieno, ovvero la ricarica semplicemente sulla scrivania. Con un fatturato di neanche 5 milioni, oltre tutto in leggero calo, in fase di collocamento ha raccolto 12 milioni. Poi al debutto sul mercato il titolo ha segnato un rialzo di quasi il 35% che ha impedito di fissarne il prezzo ma ha fotografato una evidenza: la gente crede alle bici elettriche, pure agli scooter elettrici. La gente, anche a Ronaldopoly, non dorme e capisce la differenza tra un campione e un bidone. Se gli presenta un titolo forte, che tale e’per prospettiva, e non solo per il numero di Champions League che ha in bacheca, ci crede, investe, si muove. In un mondo in cui e’ la domanda a determinare l’offerta bisognerebbe ascoltare e seguire di piu’ il pubblico le cui antenne sono sempre dritte e indirizzate per registrare i segnali piu ’interessanti.

Argomenti buoni per il Bike Economy Forum, in realta’ argomenti buoni per tutti. Sarebbe persino bello se l’effetto Ronaldo si traducesse in una spinta per tutti a puntare al meglio, costi quel che costi, nella consapevolezza che un campione e’ comunque meglio di un bidone spacciato per tale.

Luca Corsolini – Symbola

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Persone

user Luca corsolini

Giornalista sportivo

Rubriche

A cura di: Luca CORSOLINI

Continua a leggere

15 Ago 2021

Coesione è competizione. Nuove geografie della produzione del valore in Italia

Opinioni

Affrontare con coraggio la crisi climatica permette anche di avere una società e una economia a misura d’uomo. E l’Italia può giocare la partita del #RecoveryFund da protagonista.

21 Set 2020

Opinioni

Nella tredicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Giorgio Vittadini, Fondatore e  Presidente Fondazione per la sussidiarietà, su “Manifesto di Assisi. Sussidiarietà e sostenibilità”.

05 Ago 2020

Opinioni

Nella dodicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Vincenzo Manes, Presidente e fondatore di Dynamo Camp e Presidente di Intek Group, sul ruolo delle imprese per la coesione sociale e il futuro dell’Italia, a partire dal Manifesto di Assisi.

27 Lug 2020