News

SALVA

Italia campione di riciclo in Europa? Grazie ad un sistema efficiente. Parola di CONAI

Siamo tra i primi tra i Paesi europei, e secondi solo alla Germania per riciclo pro-capite degli imballaggi. Ci spiega come Conai, il Consorzio Nazionale Imballaggi che quest’anno ha praticamente già superato gli obiettivi di riciclo che l’Europa chiede entro il 2025. Anche per questo tra le oltre 200 best practice dlla ricerca GreenItaly.

11 Nov 2020 - Redazione

L’Italia è il primo paese in Europa per il riciclo di rifiuti (pro-capite). Secondo l’Eurostat infatti recuperiamo il 79% degli scarti prodotti, industriali e urbani, il doppio rispetto alla media europea (39%), seguiti ad una certa distanza da Francia (56%), Regno Unito (50%) e Germania (43%) (dati GreenItaly 2020).

Come ha spiegato il presidente Ermete Realacci in una intervista recente a RepubblicaIl nostro Paese ha una situazione a macchia di leopardo sul riciclo urbano, con punte di assoluta eccellenza, come Milano, che insieme a Vienna è ai vertici europei della raccolta differenziata, e punte molto più basse al Sud. Ma il risultato veramente importante in termini di risparmio di CO2 e riutilizzo dei rifiuti l’ha ottenuto negli anni il ciclo produttivo industriale”.

Il motivo del primato si deve principalmente ad un sistema efficiente e organizzato che ha risolto il problema ambientale collettivo, garantendo l’avvio a riciclo o a recupero energetico dei rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale. Un sistema senza fini di lucro che si chiama CONAI e che, in oltre venti anni dalla sua costituzione con il Decreto Ronchi, “ha investito 6 miliardi di euro per la raccolta differenziata con i Comuni e ANCI, e ha raggiunto il risultato di recupero di 7 imballaggi su dieci, ridando loro nuova vita o una rivalutazione dal punto di vista energetico” come ha affermato il suo presidente Luca Ruini durante la presentazione della ricerca GreenItaly 2020.

Il sistema CONAI, che anche quest’anno è annoverata tra le oltre 200 best practice di green economy in Italia nella ricerca di Symbola e Unioncamere, “ha già superato gli obiettivi di riciclo che l’Europa chiede entro il 2025. Anche i risultati per i sei materiali di imballaggio che CONAI gestisce sono molto positivi: nel dettaglio, lo scorso anno l’Italia ha riciclato 399mila tonnellate di acciaio, 51mila di alluminio, 3 milioni e 989mila di carta, 1 milione e 997mila di legno, 1 milione e 54mila di plastica e 2 milioni e 69mila di vetro”.

Lo scorso anno, del resto, i quantitativi di rifiuti di imballaggio conferiti al Consorzio dai Comuni italiani sono cresciuti del 14,3%. Una crescita trainata dallo sprint delle macro-aree geografiche del Centro e del Sud, quelle che hanno ancora ampi margini di miglioramento e che hanno messo a segno rispettivamente un +16,4% e un +16% di raccolta in convenzione.

Solo nel 2019 il nostro Paese ha riciclato il 70% dei materiali di imballaggio immessi al consumo, superando di gran lunga gli obiettivi minimi di riciclo vigenti (55%). Se al riciclo sommiamo il recupero, ossia lo sfruttamento dei materiali di imballaggio come fonte energetica, siamo oltre l’80% del totale dei rifiuti di imballaggio complessivamente recuperati. L’attività di CONAI e Consorzi di Filiera contribuisce per circa la metà a questi risultati nazionali. La restante parte la fa il mercato, con fluttuazioni annuali che dipendono dalla convenienza economica o meno delle attività di riciclo e recupero.

Un trend che si conferma positivo anche in un anno difficile come il 2020 per la pandemia Covid-19. Il primo quadrimestre ha visto i conferimenti al sistema CONAI aumentare praticamente per tutti i materiali di imballaggio, soprattutto acciaio e carta, ma anche vetro e plastica. I risultati complessivi di tutto il semestre, da gennaio a giugno, sembrano confermare la crescita soprattutto per carta, acciaio e vetro.

Il segreto del sistema CONAI?
Una struttura solida che in Europa si impone come una delle più efficienti e meno costose: i suoi costi rappresentano l’1% dei ricavi. Grazie al contributo delle 800mila aziende consorziate che si fanno carico del corretto fine vita degli imballaggi da loro prodotti e utilizzati, il sistema è capace di essere sussidiario al mercato, potendo intervenire e garantire il ritiro dei rifiuti di imballaggio differenziati in tutta Italia, anche quando il mercato stesso non ha interesse a farlo. 

L’impatto indiretto del riciclo sull’ambiente
Il lavoro del Consorzio non contribuisce solo a percentuali di riciclo tra le più alte in Europa: ha anche ricadute in termini occupazionali e benefici ambientali indiretti.

Secondo uno studio condotto da Ambiente Italia nel 2018, l’economia circolare dà già lavoro a più di 575mila persone. E il Report di sostenibilità CONAI 2019 spiega come nel 2018, grazie al lavoro del sistema consortile, sia stata evitata la produzione di quasi 4 milioni di tonnellate di CO2. 

Come spieghiamo in GreenItaly “il riciclo è uno strumento fondamentale per la riduzione delle emissioni, in particolare delle emissioni climalteranti, oltre che per la riduzione della quantità di materia prelevata dall’ambiente. Sia pure con importanza variabile – e con qualche limitata eccezione su alcuni parametri – il riciclo comporta una riduzione dell’insieme dei consumi energetici, dei consumi idrici, delle emissioni atmosferiche e delle emissioni idriche. Il riciclo rappresenta – come ormai una inequivoca e costante letteratura conferma – la forma ambientalmente più vantaggiosa (a parte la prevenzione) di gestione dei rifiuti”.

Cosa significa concretamente? Grazie al contributo di CONAI e del sistema del riciclo in Italia si è attivato un ciclo virtuoso che comporta un risparmio potenziale di 23 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, e 63 milioni di tonnellate di CO2: in pratica, il 14,8% delle emissioni nocive per il clima (dati GreenItaly 2020).

Luca Ruini - Presidente dal 2020 di CONAI

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Rubriche

A cura di: Redazione

Continua a leggere

News

La vocazione alla sostenibilità dell’Italia è un grosso vantaggio competitivo. Le eccellenze made in Italy dell’economia circolare in un confronto sul tema tra Italia-Argentina all’incontro organizzato con l’Ambasciata Italiana a Buenos Aires

14 Dic 2020

News

Il made in Italy vanta numerosi primati nell’economia circolare, grazie a saper fare e capacità di innovare, e non solo.

27 Ott 2020

News

Non tutti sanno che i Piccoli Comuni del nostro Paese sono quasi seimila, rappresentando il 69,5% del totale dei comuni italiani con quasi 10 milioni di abitanti. Perché il futuro del Paese passa per le Aree Interne?

29 Set 2020

News

È made in Italy il progetto pilota Vehicle-to-Grid (V2G) inaugurato a Mirafiori. E una volta completato, diventerà il più grande del suo genere al mondo, in cui l’auto elettrica scambia energia con la rete.

15 Set 2020