News

SALVA

Il respiratore diventa portatile. Ed è tutto italiano

Una partnership tutta italiana ha creato il ventilatore polmonare portatile, facile da usare a casa, touchscreen e molto intuitivo. Protagonisti la SECO di Arezzo e la IBD di Mantova.

29 Apr 2020 - Domenico Sturabotti

Una partnership tutta italiana ha creato il ventilatore polmonare portatile, facile da usare a casa, touch screen e molto intuitivo, per tutti i pazienti con polmonite da coronavirus.  La storia di chi lo ha reso possibile è iniziata circa 40 anni fa. Subito dopo essersi diplomati all’istituto tecnico industriale, in un garage di Bibbiena (AR), Luciano Secciani e Daniele Conti realizzarono il loro primo computer. Era il 1979. La Motorola di Chicago lanciava sul mercato il rivoluzionario microprocessore 68000, e a Cupertino in California, Steve Jobs e Steve Wozniak l’Apple II.
Sono passati oltre quarant’anni e i computer sono entrati nelle nostre case; grazie ad aziende come la SECO stanno entrando nei prodotti: dalle macchine delle palestre, ai robot per l’esplorazione nello spazio.

SECO è oggi una azienda leader nella produzione di micro computer, 380 dipendenti, oltre 55 milioni di fatturato (dal 2008 cresce del 15% anno), due fabbriche in Toscana, sedi a Boston, in Germania, India, Taiwan. Annovera tra i propri clienti aziende multinazionali quali Cimbali, Esaote, Technogym e Vimar. In queste settimane insieme alla IBD di Mantova, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di dispositivi biomedici, ha realizzato Respira, un ventilatore polmonare portatile, pensato specificatamente per l’assistenza domiciliare dei pazienti con polmonite da Covid-19. I nuovi ventilatori rispondono a tre esigenze: piccole dimensioni per favorire l’utilizzo domestico, basso costo e semplicità di utilizzo in assenza di medici o tecnici. L’inizio delle consegne dei nuovi ventilatori polmonari è previsto tra la fine di maggio e l’inizio di giugno 2020. 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

News

L’azienda made in Italy nota per aver rivoluzionato il modo di servire il gelato nelle gelaterie ora ripensa a come consegnarlo a domicilio in questa fase post covid.

21 Mag 2020

News

Realizzerà le macchine che permetteranno al nostro Paese di produrre 35 milioni mascherine chirurgiche al giorno entro la metà di agosto. Si tratta di IMA. leader mondiale del packaging made in Italy.

05 Mag 2020
injecta IMa

News

Il software open-source per monitorare la salute dei cittadini nella fase 2 dell’emergenza viene da Genova, dall’Istituto Italiano di Tecnologia.

24 Apr 2020
aithermometer_IIT

News

Da produttore di super car a mascherine chirurgiche e visiere protettive: è una forma di solidarietà ai tempi del Coronavirus di un grande nome dell’automotive italiana nato dalla voglia di rivalsa contro il cavallino rampante.

23 Apr 2020