Opinioni

SALVA

Green Economy – Chimica Verde

Bioeconomia: contesto e prospettive

18 Dic 2018 - Redazione

Bioeconomia: contesto e prospettive
La bioeconomia è uno dei settori più vitali e innovativi dell’economia, con grandi potenzialità di crescita: solo nell’Unione Europea genera un fatturato di circa 2.200 miliardi di euro e dà lavoro a oltre 18 milioni di persone . Un’economia – così la definisce la Commissione Europea – che usa le risorse biologiche rinnovabili (provenienti dalla terra e dal mare) o i rifiuti come input per la produzione industriale, alimentare e mangimistica, energetica . Le risorse della bioeconomia offrono tre vantaggi cruciali: sono potenzialmente non esauribili, in genere inquinano molto meno dei loro omologhi fossili – si stima che l’approdo ad una economia bio-based possa portare ad una riduzione media di gas serra fino al 50% – infine, si tratta spesso di materie prime producibili localmente, che non hanno bisogno di lunghi trasporti (per cui si consuma meno energia e si emettono meno gas serra) e che possono quindi garantire maggiore autonomia economica ai territori, riducendo le importazioni.
La bioeconomia è un settore fortemente dipendente e interconnesso con la chimica verde: quella che utilizza materie prime rinnovabili di origine agricola per realizzare una nuova generazione di prodotti e composti chimici a basso impatto per l’ambiente e per la salute; e che rappresenta una grande sfida ecologica e una grande occasione di rilancio economico per l’Italia e per tutto il vecchio continente. Passando dalla petrolchimica a processi produttivi più sostenibili che partono da materie prime rinnovabili, un parte della chimica sta ridisegnando la propria identità: biopolimeri, biocombustibili, biocarburanti, biolubrificanti, bioerbicidi e biocosmetici sono alcuni esempi di filiere che coinvolgono migliaia di imprese. Un modo di fare economia che si rapporta positivamente alla società e al territorio in cui colloca le proprie attività e da cui trae le risorse di cui ha bisogno, creando occupazione, valore sociale ed economico, innovazione.

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Rubriche

A cura di: Redazione

Continua a leggere

Opinioni

Affrontare con coraggio la crisi climatica permette anche di avere una società e una economia a misura d’uomo. E l’Italia può giocare la partita del #RecoveryFund da protagonista.

21 Set 2020

Opinioni

Nella nona puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Catia Bastioli, AD Novamont, sulla sfida della chimica verde tra innovazione, territorio, economia circolare, a partire dal Manifesto di Assisi.

29 Giu 2020

Opinioni

Nella seconda puntata de “L’Italia che verrà” Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola dialoga con Francesco Starace, AD Enel, su rinnovabili, innovazione e coesione sociale a partire del Manifesto di Assisi di cui sono entrambi promotori.

14 Mag 2020

Opinioni

Nella Prima Puntata de “L’Italia che verrà” Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, e Padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, parlano del valore del Manifesto di Assisi di cui sono i promotori.

08 Mag 2020