Opinioni

SALVA

Eppure non c’e’ solo Ronaldo

Eredi di Galileo, possiamo benissimo guardare la scena sportiva di questa estate 2018 e commentare: “Eppure non c’e’ solo Ronaldo”.

07 Lug 2018 Redazione

Migliaia di persone si arrampicano sulle Dolomiti con ogni tipo di bicicletta, firmando implicitamente il manifesto di una nuova mobilita’e di uno sport allargato alla partecipazione di quante piu’ persone possibile, magari con regole ridotte rispetto a quelle sportive, ma con un rispetto dell’ambiente che e’ condizione imprescindibile e nuova per lo sviluppo di iniziative come le Granfondo che hanno allungato la stagione turistica di intere regioni. Running e bike, la sintesi delle due che e’, con il nuoto, il triathlon: le discipline piu’ semplici, piu’ naturali, portate all’estremo oggi piacciono, endurance e’ il nuovo passaparole al punto che a Parma hanno chiamato Endu la nuova app dedicata agli appassionati, e ne parleremo ancora. E quando ci si ferma prima di arrivare all’estremo, si va felicemente oltre lo sport paludato: Linus, direttore artistico di Radio DeeJay, anche senza volerlo, e’diventato il capo di quanti non riconoscono l’autorita’ del Coni, ovvero di quanti si ribellano al tesseramento, al cartellino e vogliono semplicemente praticare la loro disciplina preferita. Ci sono la Deejay Ten, anzi le 10 km in centro alle citt’0; c’e’ il Deejay Tri che e’ il triathlon all’Idroscalo ( che compie 90 anni ) a Milano; adesso stanno per arrivare i Deejay XMasters, con surf e stand up paddle ( la …camminata sulle acque possibile proprio grazie alle tavole, skatebord e frestyle, persino mototerapia, summer rugby e tanto altro. In attesa del Play Deejay San Marino a fine agosto, una grande festa, un allenamento collettivo in cui ci sara’ spazio non solo per corsa e bike ma anche per discipline piu’ classicamente da palestra portate fuori …mura.

Poi ci sono i Mondiali AntiRazzisti di calcio, un evento che dopo 20 anni paga il clima nuovo del Paese e ne e’ la fotografia: meno squadre di rifugiati iscritti, la passione per l’evento un po’affievolita in chi non conosce la manifestazione e non capisce l’organizzazione di un anno. D’altra parte, in questa estate abbiamo anche avuto una celebrazione della prima staffetta nera, e proprio da parte di chi si batte contro le politiche del governo, quando invece le ragazze della 4×400 che ha vinto ai Giochi del Mediterraneo erano le prime a dichiararsi italiane piu’ che paladine di una risposta all’Italia di Pontida.

Ma tutto finisce in politica in questa estate 2018. Siamo alla vigilia del congresso Cio che, l’anno prossimo, a Milano, assegnera’ i Giochi Invernali del 2026. Al momento ci sono tre citta’ italiane che si sono fatte avanti. In ordine alfabetico: Cortina, e il Veneto e’ in mano alla Lega: Milano, dove il comune,di sinistra. e la giunta regionale, della Lega, vanno di comune accordo pensando di allungare con le Olimpiadi l’onda lunga dell’Expo; Torino, dove i Cinquestelle dimostrano il loro rapporto strano con i Giochi. Non li hanno voluti a Roma, li vorrebbero a Torino appena venti anni dopo una edizione memorabile, che ha cambiato la citta’, e che loro pero’ hanno sempre criticata.

Il Governo, nel dire che la candidatura, della sola italiana che si presentera’ al vaglio del Cio, deve essere scelta dal Coni, ma lo ha fatto, parole di Giancarlo Giorgetti, senza sposare pienamente la causa. E’ cambiato tutto sotto il cielo olimpico, oggi la citta’ che diventa sede dei Giochi firma subito un contratto con il Cio e riceve un contributo di oltre 900 milioni. E tanti altri sono i cambiamenti che hanno corretto la struttura dei Giochi, che era in effetti finita fuori controllo, ma Giorgetti ha detto che se arrivera’ “una proposta di buon senso, e sobria, non offensiva”, allora il Governo la appoggera’, il che rappresenta una dichiarazione di intenti fin troppo neutra per non sembrare una ammonizione, oltre ad essere  un esercizio di equilibrismo politico che tocchera’ al Coni rompere con una scelta.

Eppur si muove, lo sport italiano nell’estate del 2018: non c’e’ solo Ronaldo.

Luca Corsolini – Symbola

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Persone

user Luca corsolini

Giornalista sportivo

Rubriche

A cura di: Luca CORSOLINI

Continua a leggere

Opinioni

Affrontare con coraggio la crisi climatica permette anche di avere una società e una economia a misura d’uomo. E l’Italia può giocare la partita del #RecoveryFund da protagonista.

21 Set 2020

Opinioni

Nella tredicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Giorgio Vittadini, Fondatore e  Presidente Fondazione per la sussidiarietà, su “Manifesto di Assisi. Sussidiarietà e sostenibilità”.

05 Ago 2020

Opinioni

Nella dodicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Vincenzo Manes, Presidente e fondatore di Dynamo Camp e Presidente di Intek Group, sul ruolo delle imprese per la coesione sociale e il futuro dell’Italia, a partire dal Manifesto di Assisi.

27 Lug 2020

Opinioni

Nell’undicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Giovanna Melandri, Presidente Human Foundation, sul nuovo modello di economia sociale a sostegno dell’impresa e della finanza sociale per una economia a misura d’uomo.

13 Lug 2020