Opinioni

SALVA

Edilizia

Know how, materiali e tecnologie di oggi per la decarbonizzazione del settore

01 Ago 2022

Redazione

Dai cambiamenti climatici – con ricadute dirette sulla qualità della vita – alla decarbonizzazione del patrimonio costruito, la transizione ecologica in atto deve fare i conti con una complessità di elementi che riguardano il settore dell’edilizia a più livelli.

Sono coinvolti la pubblica amministrazione, i developer, le professioni tecniche e gli stessi utilizzatori finali perché dalla progettazione alla gestione di beni e servizi tutto concorre ad un diverso paradigma sostenibile e circolare. L’orizzonte del Green Deal e lo scenario del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza) mettono a fuoco il fatto che sia urgente scrivere nuovi grandi progetti e al contempo serva agire da subito con competenze tecniche. Più in generale si richiede visione e coraggio anche nel cambiare filiere produttive, modi di vivere e abitudini: la transizione richiede anche riconversione.

Tecnologia, economia circolare e rinnovabili sono le sfide. Una delle voci più influenti nel campo dell’edilizia sostenibile in Italia, Norbert Lantschner, ribadisce come sia urgente cambiare in modo profondo la progettazione e le modalità di costruire per raggiungere la decarbonizzazione del settore.

C’è però una buona notizia: nell’edilizia non dobbiamo inventare più niente, abbiamo il know how, i materiali e le tecnologie, bisogna però passare all’applicazione.

Da qui l’impegno, anche nel mondo della progettazione, con architettura ed ingegneria in testa, e nell’industria delle costruzioni, a scongiurare il pericolo di una battaglia persa.

E non è escluso che le logiche metriche con cui le imprese hanno deciso di misurarsi in campo ambientale e sociale, criteri sotto la pressione di standardizzazione e omologazione esercitata dalle grandi società di consulenza, rischino di diventare vuote certificazioni che hanno poco a che fare con la trasformazione valoriale dell’economia. Parametri utili, quindi, che dovranno fare i conti con le imprese di diversa scala, con il contesto globale e locale, e ancora sulle effettive ricadute sulla comunità.

La sfida, anche per il settore dell’edilizia rimane quella di capire quale sostenibilità si vuole promuovere e come riempire di contenuti il concetto di transizione in atto, sia essa ecologica, digitale e culturale, e promossa dagli stessi Ministeri che con il nuovo governo Draghi hanno cambiato la loro denominazione enfatizzando il tema del cambiamento e del processo di evoluzione.

———-

Continua a leggere “Edilizia” p. 230  di Green Italy 2021 Un’economia a misura d’uomo per il futuro dell’Europa, la ricerca su dati e storie della green economy italiana di Symbola e Unioncamere.

Credit: https://stock.adobe.com/it Immagine di Blue Planet Studio

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Opinioni

Branca che utilizza materie prime rinnovabili per la realizzazione di prodotti innovativi e sostenibili

01 Ago 2022
Chimica bio-based - Green Italy 2021

Opinioni

Una nuova stagione per il settore fashion made in Italy

01 Ago 2022
Tessile e Moda - Green Italy 2021

Opinioni

Il settore agroalimentare italiano raggiunge elevati standard produttivi nel rispetto della sostenibilità

18 Lug 2022
Agroalimentare - Green Itraly 2021

Opinioni

Le sfide per il settore, post pandemia da Covid-19

18 Lug 2022