Storie

SALVA

Comuni della Valcamonica

Fare accoglienza grazie ad una rete di Comuni

27 Dic 2017 - Redazione

“Per promuovere integrazione tra abitanti e rifugiati è necessario coinvolgere attivamente entrambe le parti, creando occasioni di conoscenza, gettando le basi per la costruzione di relazioni di fiducia

Fare accoglienza, attraverso un sistema organizzato e diffuso sul territorio, è una modalità vincente per rispondere a un problema, facendolo diventare una risorsa. E’ il modello sperimentato con successo dalla rete dei Comuni della Val Camonica che, dal 2011, porta avanti progetti di microaccoglienza per migranti e richiedenti asilo. L’idea sottesa all’iniziativa è che per promuovere integrazione tra abitanti e rifugiati sia necessario coinvolgere attivamente entrambe le parti, creando occasioni di conoscenza, gettando le basi per la costruzione di relazioni di fiducia e collaborazione e contribuendo al percorso di autonomia di cui i richiedenti asilo sono protagonist. La micro-accoglienza viene realizzata attraverso una collaborazione tra il comune, i privati che offrono case sfitte e cooperative. Vengono messi a disposizione dei richiedenti asilo alloggi dignitosi nel centro abitato e, contemporaneamente, predisposti servizi di accoglienza integrata che comprendono percorsi di alfabetizzazione, l’assistenza legale e la possibilità di svolgere un tirocinio formativo con l’aiuto di volontari della zona. La possibilità di impiegare il proprio tempo in modo fruttuoso e in attività che abbiano effetti positivi sul territorio facilita l’inserimento progressivo dei giovani migranti nella comunità di arrivo. L’iniziativa, partita quando l’Italia si è trovata ad affrontare il primo consistente arrivo di richiedenti asilo con l’emergenza nord Africa, oggi è un modello che fa scuola. E che dimostra, nei fatti, come ci sia un’ alternativa realizzabile e replicabile al cosiddetto “business dell’accoglienza”. Un’altra via possibile che fa bene sia all’economica locale, sia all’integrazione dei migranti. Senza nessun onere per i Comuni, anzi creando nuove risorse, perché per ogni appartamento che ospita 4 rifugiati, c’è un ritorno sul territorio di circa quattromila euro al mese. Negli ultimi due anni il progetto si è strutturato ed è diventato territoriale. Nel 2016 è stato siglato un protocollo tra Prefettura di Brescia e Comunità Montana della Valle Camonica che prevede di distribuire i migranti nei 25 comuni della Valle che hanno aderito.

 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Storie

20 Feb 2020

Saper interpretare le esigenze dell’impresa e sviluppare prodotti ad hoc è quello che Alumotion fa da venti anni, lavorando per realizzare sistemi robotici utili in particolare a movimentare oggetti

19 Feb 2020

Fedele al territorio marchigiano anche nei momenti più difficili, Simonelli Group ha creato un centro di ricerca nel campo del caffè che opera in una logica di rete.

Storie

17 Feb 2020

Fimer ha conquistato il suo ruolo di player mondiale grazie ai suoi inverter, strumenti fondamentali per il funzionamento di un impianto fotovoltaico

17 Feb 2020

Coniugando tradizione rurale e valorizzazione dei vitigni autoctoni, Masciarelli ha dimostrato come i valori locali possano arrivare al mondo attraverso il vino