Storie

SALVA

CETMA – Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie, Design e Materiali

Lungi dall'essere un'illusione ottica, le SMA - leghe a memoria di forma - rappresentano un'importante innovazione nel mondo dei materiali, riuscendo a recuperare la propria forma originale. Con lungimiranza il CETMA di Brindisi studia questo ed altri materiali per poterli applicare soprattutto nel settore del restauro.

17 Nov 2020 - Redazione

Centro di eccellenza per la ricerca e lo sviluppo di materiali avanzati, software e tecnologie all’avanguardia, il CETMA di Brindisi nasce per dare impulso al sistema industriale, con particolare attenzione alle regioni del Mezzogiorno. Le sue ricerche sono applicate a numerosi ambiti, quali i materiali avanzati, l’automazione, il design industriale, i processi di riciclo e persino i videogame. 

Non poteva mancare un’area dedicata alla conservazione e al restauro del patrimonio storico-culturale. In particolare, per far fronte ai numerosi eventi sismici che colpiscono il nostro paese, CETMA ha investito sulle leghe a memoria di forma (SMA), costituite da titanio e nichel, che hanno la capacità di “memorizzare” una determinata posizione e di ritornare ad essa anche a seguito di un notevole stress dinamico. Il dispositivo AntisiSMA, ideato per essere installato in serie con le catene metalliche, utilizzate per rinforzare strutture spingenti come archi o volte, sfrutta la superelasticità di queste leghe, in grado di dissipare una grandissima quantità di energia deformativa durante il terremoto e di riposizionarsi nella configurazione ante-sisma. Testato per la prima volta nella chiesa del XIII secolo di San Paolo Eremita a Brindisi, ha ottenuto il brevetto europeo e ha vinto il premio Oscar Masi 2017 per l’innovazione industriale. 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Storie

Dalla lagunare Venezia alla Roma imperiale, passando per le macerie de L’Aquila, la Di Vincenzo Dino & C. ha dimostrato in oltre 70 anni di attività un alto livello di competenze sviluppato proprio nel settore del recupero e restauro.

17 Nov 2020

Storie

Ibix è il nome dell’azienda che è dietro la fornitura di tecnologie e prodotti utilizzati nei processi di recupero e restauro dei principali monumenti storici di quasi tutto il mondo: l’azienda emiliana ha contribuito al restauro delle principali icone capitoline di Francia, Italia e USA.

17 Nov 2020

Storie

Nel segno della qualità sono già oltre 18.000 gli edifici che in tutta Italia possono fregiarsi della certificazione CasaClima. Nel settore del restauro il certificato “CasaClima R” va a premiare quegli interventi che puntano all’efficientemento energetico, nel rispetto dell’identità originale degli edifici.

17 Nov 2020

Storie

Le attività del CNR sui Beni Culturali sono confluite dal 2019 nel ISPC. Con 7 sedi in tutta Italia e quasi 200 dipendenti provenienti dal mondo scientifico ed umanistico, l’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale promuove le proprie ricerche e progetti anche nel settore del restauro.

17 Nov 2020