Rassegna

SALVA

Cammino Alpedi – Ledro Alps Trek

la Repubblica

02 Nov 2020 - Redazione

CONTINUA A LEGGERE

Cammino Alpedi – Ledro Alps Trek | la Repubblica

Cammino-Alpedi-–-Ledro-Alps-Trek.pdf - 152.31 Kb

Ecco i numeri principali del Cammino Alpedi – Ledro Alps Trek: 102 km, due regioni, due province, 12 piccoli Comuni (su 14 totali), un parco. I beni culturali presenti sono 6, 17 tipicità, 630 strutture ricettive, 3.633 imprese, 465vassociazioni. Il Cammino si sviluppa su 416,7 km quadrati e tocca una popolazione di 21.135 abitanti (su complessivi 43.797).

Il Cammino Alpiedi – Ledro Alps Trek è un itinerario all’interno della rete di riserve naturalistiche delle Alpi Ledrensi alla scoperta di paesaggi, flora e fauna che contribuiscono a fare di quest’area un gioiello che l’uomo ha saputo rispettare, conservandone l’unicità. Stretto tra il Lago di Garda e le Dolomiti del Brenta, questo territorio è stato proclamato Riserva della Biosfera Unesco, con la denominazione ufficiale di “Alpi Ledrensi e Judicaria – dalle Dolomiti al Garda”.

Lungo 102 km, il cammino ha una forma ad anello che segue il confine del comune di Ledro, entrando per brevi tratti nei territori di 14 comuni, di cui ben 12 al di sotto dei 5000 abitanti. A eccezione di due brevi tratti in Lombardia nei comuni di Magasa, Tremosine e Limone sul Garda, l’intero percorso si svolge nella provincia di Trento.

Percorribile tutto l’anno, sebbene sia necessario consultare le condizioni meteorologiche nei mesi invernali, il cammino può essere iniziato da ognuna delle località toccate per via della sua forma circolare. Generalmente però si parte da Storo, paese stretto tra le montagne e il Lago d’Idro, ovvero quel che resta di un antico lago glaciale che copriva tutta la piana dove sorge il centro.

Per approfondire tutti gli altri percorsi presenti nella nostra uscita “Piccoli Comuni e Cammini d’Italia” clicca qui.

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

07 Apr 2021

Rinnovabili

06 Apr 2021

Corriere della sera – Buone notizie | Paolo Foschini