Storie

SALVA

Calchèra San Giorgio

Grazie ad uno scrupoloso studio delle opere del passato, la Calchèra San Giorgio offre prodotti in grado di riprodurre perfettamente le malte e gli intonaci del passato, rivelandosi specialmente adeguato nel settore del restauro. Contemplando il valore della sostenibilità il centro di ricerca è attualmente impegnato a sviluppare materiali ecosostenibili.

17 Nov 2020

Redazione

Studiare a fondo le tecniche, i materiali, gli intonaci e le malte delle tradizioni del passato, come quelle romane e fenice, al fine di riprodurli e impiegarli nei settori della bioedilizia e del restauro del patrimonio storico: questa è la mission del Centro di Ricerca e Formulazione Calchèra San Giorgio di Grigno Valsugana (Trento). Una visione unica, tradizionale e innovativa allo stesso tempo, che rende i materiali dell’azienda particolarmente adatti al restauro. Tra i prodotti di Calchèra San Giorgio vi è ad esempio la Calce Pozzolanica Pantheon, una calce idraulica ricavata dalla miscelazione a freddo di calce aerea pura e pozzolane naturali, ottenuta dopo un’attenta analisi degli scritti di Vitruvio e dei materiali impiegati dai Romani per la costruzione dell’omonimo tempio. 

L’azienda è anche in grado di riprodurre perfettamente le malte e gli intonaci dei beni da restaurare, prelevando campioni dei materiali originari e replicandoli alla perfezione. Un metodo che assicura la totale compatibilità con la struttura oggetto dell’intervento, restituendo colori naturali e rispettando l’ambiente per via della mistione a freddo. Calchèra San Giorgio è infatti una realtà attenta ai principi dell’economia circolare, come dimostrano i recenti studi condotti insieme al Mit di Boston sui leganti idraulici prodotti dagli scarti alimentari, tra cui una calce ottenuta dai gusci d’uovo. 

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

Storie

Dalla lagunare Venezia alla Roma imperiale, passando per le macerie de L’Aquila, la Di Vincenzo Dino & C. ha dimostrato in oltre 70 anni di attività un alto livello di competenze sviluppato proprio nel settore del recupero e restauro.

17 Nov 2020

Storie

Ibix è il nome dell’azienda che è dietro la fornitura di tecnologie e prodotti utilizzati nei processi di recupero e restauro dei principali monumenti storici di quasi tutto il mondo: l’azienda emiliana ha contribuito al restauro delle principali icone capitoline di Francia, Italia e USA.

17 Nov 2020

Storie

Le attività del CNR sui Beni Culturali sono confluite dal 2019 nel ISPC. Con 7 sedi in tutta Italia e quasi 200 dipendenti provenienti dal mondo scientifico ed umanistico, l’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale promuove le proprie ricerche e progetti anche nel settore del restauro.

17 Nov 2020

Storie

Gexcel sviluppa servizi per la diagnostica principalmente attraverso il sapiente uso della tecnologia laser. HERON e Reconstructor sono i nomi di due delle innovazioni che trovano valida applicazione nel mondo del restauro, come dimostrato per i rilievi del Tempio di Belen in Perù.

17 Nov 2020