Snack

SALVA

APPENNINO PALINSESTO DI CULTURA

Lungo tutta la dorsale appenninica si staglia un fitto reticolo di luoghi della cultura.

23 Lug 2018 - Redazione

L’Appennino è stato un palinsesto di tutte le fasi della civilizzazione occidentale, il cui dna oggi è fatto anche di elementi che proprio nell’Appennino sono nati: dal presepe realizzato per la prima volta a Greccio (RI) nel 1223 da San Francesco, alla prospettiva perfezionata nella seconda metà del XV secolo da Piero della Francesca tra Sansepolcro, Arezzo e Urbino. Lungo tutta la dorsale appenninica si staglia un fitto reticolo di luoghi della cultura: si tratta di siti di dimensioni limitate, talvolta minime, una costellazione di luoghi artistici e culturali variegati nella tipologia e nella proprietà. Si tratta di siti che insistono e resistono in cittadine e paesi di piccole e medie dimensioni ma con una distribuzione tanto capillare che permette quasi a ogni centro abitato di custodire un pezzo del patrimonio culturale italiano: in Appennino si trovano 120 chiese o edifici di culto di rilievo storico artistico; 1224 musei e gallerie non a scopo di lucro, 24 aree archeologiche.

Guarda il video sull’Appennino

[Campagna sull’#Appennino promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna; realizzata da Symbola e sostenuta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare]

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Componente Ordinario

Continua a leggere

Snack

Il più grande lago appenninico, il più grande anche dell’Italia peninsulare, è il lago Trasimeno, quasi 13 mila ettari di estensione.

23 Lug 2018

Snack

Nei post in Inglese il numero maggiore di testi è dedicato al Gran Sasso.

23 Lug 2018
23 Lug 2018

Una superficie enorme che rappresenta una inestimabile risorsa ambientale, paesaggistica, ma anche economica.

23 Lug 2018

L’analisi dei post pubblicati sul web permette di cogliere anche quali sono gli aspetti più apprezzati dell’Appennino.