Opinioni

SALVA

Anche in montagna il made in Italy vince

Anche in montagna il made in Italy vince. Non solo per la firma di Reinhold Messner, e per il suo circuito museale, ma anche e soprattutto per la storia non conosciuta di una azienda valdostana che ha 200 anni. La Gliver è nata dall'agricoltura e poi si è dedicata all'alpinismo moderno, sempre però conservando una attenzione per l'ambiente. Perché come dice il grande alpinista "l'arte della montagna è la sopravvivenza".

12 Mag 2018 Redazione

Ci sono talmente tante cose di cui parlare in questa primavera di straordinaria fioritura del made in sport che dovrebbe essere proprio questa la notizia più importante. Gli internazionali di tennis a Roma, il Giro elettrico, altro …
Ma succede anche che le notizie di tragedie in montagna si accavallano con tanta e tale frequenza che diventa questo l’argomento più evidente, anche perché fotografa, persino in negativo, che oggi il turismo esperienziale, filone principale del turismo sportivo, non accetta confini, né fisici, né meteorologici.
“L’arte della montagna è la sopravvivenza” è la dichiarazione di amore, e di rispetto, di uno che la montagna la conosce bene. Reinhold Messner, dopo aver raggiunto per sé e per tutti noi, le cime più importanti del mondo, ha realizzato tra Sud Tirolo e Bellunese il Messner Mountain Museum, un circuito di sei strutture che trasforma ogni visita come un’ascensione in quota. La tappa più bella quella di Corones che appunto incorona la visione del grande alpinista: voleva un luogo del silenzio e della decelerazione, lui che oggi dichiara con qualche rimpianto che 40 anni fa, ai tempi delle sue esplorazioni, alla base dell’Everest c’erano 20 persone, mentre oggi ce ne sono permanentemente almeno mille, con tutto quello che questo comporta in termini di contaminazione dell’ambiente. Zaha Hadid ha realizzato magnificamente il progetto: la montagna ti avvolge, e lo sguardo può abbracciare i quattro punti cardinali.

Dunque, primo comandamento: la montagna bisogna conoscerla. Amarla. Viverla come un’esperienza quotidiana. È la storia di una azienda valdostana nata a Courmayeur addirittura 200 anni, e spostatasi oggi più vicino ad Aosta non solo per il solito richiamo del progresso ma anche e soprattutto perché i dirigenti hanno voluto realizzare un nuovo stabilimento completamente alimentato da energia solare, appunto rispettosa dell’ambiente.

Parliamo della Gliver. All’inizio dei maniscalchi che producevano attrezzi per l’agricoltura, poi e sempre una famiglia che capisce che una nuova forma di turismo avanza: la gente vuole scoprire la montagna. Che si apra un nuovo mondo, lo dimostra il primo incontro risolutivo: un ingegnere inglese di origini tedesche chiede alla Gliver di realizzare dei nuovi ramponi da arrampicata. Siamo a inizio Novecento e qui comincia la storia, anzi prosegue un continuo lavoro di sintesi tra tradizione e progresso.

L’arrampicata è una sfida complessa: bisogna lavorare sui materiali, sulla loro leggerezza e sulla loro resistenza, non bastano oggetti qualunque, ogni piccozza deve essere studiata nei minimi particolari, ogni attrezzo deve aiutare gli alpinisti, sempre nel rispetto della montagna. Dall’acciaio dei primi ramponi si è passati ad altri materiali che resistono meglio alle temperature estreme, oggi in azienda ci sono anche i laser. Dai primi prodotti si è passati a un catalogo grande quanto l’Alpenland a cui Gliver si richiama, l’ambiente alpino comune a tanti paesi, e che in Italia ha per ovvi motivi un suo centro.

Duecento anni: quante sono le aziende che possono vantare una storia tanto lunga? Gliver ha una storia antica come la montagna di cui si occupa. E il segreto, nascosto in una delle pagine del sito, si richiama alla stessa filosofia di Messner: “Non esistono soluzioni universali ma per ogni problema si può adattare o creare una tecnologica specifica”.

Luca Corsolini – Symbola

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Persone

user Luca corsolini

Giornalista sportivo

Rubriche

A cura di: Luca CORSOLINI

Continua a leggere

Opinioni

Affrontare con coraggio la crisi climatica permette anche di avere una società e una economia a misura d’uomo. E l’Italia può giocare la partita del #RecoveryFund da protagonista.

21 Set 2020

Opinioni

Nella tredicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Giorgio Vittadini, Fondatore e  Presidente Fondazione per la sussidiarietà, su “Manifesto di Assisi. Sussidiarietà e sostenibilità”.

05 Ago 2020

Opinioni

Nella dodicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Vincenzo Manes, Presidente e fondatore di Dynamo Camp e Presidente di Intek Group, sul ruolo delle imprese per la coesione sociale e il futuro dell’Italia, a partire dal Manifesto di Assisi.

27 Lug 2020

Opinioni

Nell’undicesima puntata de “L’Italia che verrà” il presidente Ermete Realacci dialoga con Giovanna Melandri, Presidente Human Foundation, sul nuovo modello di economia sociale a sostegno dell’impresa e della finanza sociale per una economia a misura d’uomo.

13 Lug 2020