Storie

SALVA

ACI Vallelunga

L'Autodromo Vallelunga Pietro Taruffi guarda al futuro con l’istituzione dell’Enel X e-Mobility Hub, un progetto dedicato alla creazione di soluzioni elettriche innovative.

08 Lug 2020 Stampa

Era il 1951 quando presso l’Autodromo Vallelunga Pietro Taruffi venne disputata la prima gara automobilistica su una pista di sabbia, come si usava all’epoca: fu subito un enorme successo e da quel giorno il circuito di Campagnano di Roma (RM) ha vissuto una crescita esponenziale. Il polo, oggi di proprietà dell’ACI (Automobile Club d’Italia), guarda anche ai veicoli del futuro, come dimostra l’istituzione dell’Enel X e-Mobility Hub, un progetto realizzato in collaborazione con la società del gruppo Enel dedicata alla creazione di soluzioni elettriche innovative. L’hub vuole combinare la storica esperienza dell’autodromo con le più moderne tecnologie sviluppate dall’azienda e da altri partner nel campo della mobilità elettrica, grazie anche ad un laboratorio e ad una sala prove. La diffusione e lo sviluppo dell’e-mobility all’interno del centro parte dall’utilizzo della pista per i test fino ad arrivare a corsi per la guida sicura, passando per la realizzazione di convegni e l’installazione e manutenzione delle colonnine per la ricarica. L’Autodromo Vallelunga d’altronde ha sempre seguito politiche green molto importanti: dal 2011 gli eventi della struttura sono alimentati da energia solare prodotta dai pannelli fotovoltaici installati sulla collina che domina Vallelunga, capaci di generare oltre 1,2 milioni di kWh in un anno, evitando l’emissione di circa 625 tonnellate di CO2.

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

10 Mag 2021

Porta avanti dal 2001 il progetto SardiNIA-ProgeNIA, una delle più complete analisi genetiche mai effettuate su una singola popolazione

10 Mag 2021

Leader mondiale nel settore della ventilazione polmonare, è l’unica azienda italiana produttrice di macchinari per ogni possibile ambito in cui sia richiesta la ventilazione assistita

Storie

10 Mag 2021

Interpreta e classifica le onde cerebrali generate dal movimento immaginato, attraverso un software basato sull’IA e grazie a sensori indossabili

10 Mag 2021

Ha ricostruito, con strutture polimeriche naturali nanofabbricate su cui sono state innestate le colture di microbiota intestinale, un modello che replica la generazione e l’evoluzione del microbiota intestinale umano