RICERCA

SALVA

Atlante dell’Appennino

I Quaderni di Symbola

Promosso da Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano e Parco Nazionale Foreste Casentinensi, realizzato da Symbola con il sostegno del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Condividi su

Premessa

Il Bel Paese / ch’Appennin parte e ‘l mar circonda e L’Alpe
Francesco Petrarca

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell’avere nuovi occhi
Marcel Proust

L’Expò 2015 di Milano è stata una grande vetrina internazionale per far conoscere la ricchezza e la bellezza della natura italiana e il contributo e il ruolo dei Parchi, e delle altre aree naturali protette, nella conservazione e promozione dello straordinario patrimonio di diversità biologica, paesaggistica, culturale ed enogastronomica del Paese. Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, attraverso la Direzione generale per la protezione della Natura e del Mare, con la collaborazione e la partecipazione del sistema nazionale delle aree protette coordinato ed animato da Federparchi, ha dato così vita ad un intenso programma di iniziative che hanno coperto l’intera durata della manifestazione (molte delle quali con la partecipazione e il contributo di illustri ospiti stranieri). L’esigenza di un Atlante dell’Appennino – capace di restituire le geografie (fisiche, biologiche, culturali, economiche e sociali) del più importante e complesso sistema montuoso delle quattro penisole euroasiatiche che si proiettano nel Mediterraneo – è emersa proprio in occasione dell’appuntamento milanese dove si è voluto celebrare il ventennale del progetto APE, Appennino Parco d’Europa (presentato a L’Aquila nel dicembre del 1995 e promosso da Legambiente e Regione Abruzzo). Un’esigenza che i Parchi nazionali delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e dell’Appennino Tosco Emiliano hanno voluto insieme raccogliere e rilanciare proponendosi come promotori dell’Atlante. Una alleanza simbolica che vede un territorio dalla forte e riconosciuta identità, quello delle Foreste Casentinesi, noto soprattutto per il valore spirituale, culturale e colturale della conduzione sostenibile del bosco da parte dei monaci camaldolesi, insieme a quello dell’Appennino Tosco Emiliano, impegnato a costruire una nuova ed unitaria identità territoriale, anche attraverso il suo riconoscimento come Riserva della Biosfera dell’Unesco.

Dopotutto quale vetrina internazionale più importante di quella di un Expò universale per far conoscere al mondo che in Italia c’è il più grande Parco d’Europa: l’Appennino? Un sistema ambientale continuo ed esteso – più grande di stati come l’Ungheria, il Portogallo o l’Austria – che non ha eguali a livello continentale per percentuale di superficie tutelata da aree protette: ben il 16,1% (10,4% grazie a 12 Parchi nazionali e 5,7% per il contributo di ben 36 Parchi regionali) che arriva al 30% se consideriamo anche i 993 Siti di Rete Natura 2000.

Un vasto continuum quasi ininterrotto di territori protetti che si snoda lungo tutta la Penisola fino a Le Madonie – nel cuore della Sicilia, oltre i Peloritani e i Nebrodi – che fa dell’Appennino uno dei più grandi e significativi laboratori di sperimentazione ed attuazione delle più avanzate e innovative strategie di conservazione della natura e della biodiversità.

Organizzazioni

Componente Ordinario

Indice dei contenuti

Premesse

  • Fausto Giovanelli
  • Luca Santini

Prefazione

  • Fabio Renzi

#0 Lo spazio appenninico

#1 Paesaggio primario

  • Appennino, un cantiere geologico
  • 1.1 Geomorfologia
  • 1.2 Idrografia
  • 1.3 Clima
  • 1.4 Fenomeni naturali

#2 Biodiversità

  • Un contributo significativo alla biodiversità europea, grazie a condizioni naturali e aree protette
  • 2.1 Biodiversità vegetale
  • 2.2 Biodiversità animale
  • 2.3 Aree protette dell’Appennino
  • 2.4 Parchi a matrice culturale: l’eredità dei monaci benedettini

#3 Demografia

  • Popolazione e territorio nell’Appennino
  • 3.1 Gli appenninici
  • 3.2 Residenti e densità abitativa
  • 3.3 Un piccolo esodo bilanciato dall’immigrazione straniera
  • 3.4 Un lento processo di invecchiamento
  • 3.5 Il miglioramento del livello di istruzione

#4 Economia

  • L’appennino In Una Prospettiva Storica Di Lungo Periodo
  • L’appennino: Una Terra Di Produzione
  • 4.1 L’uso Del Suolo
  • 4.2 Economia Appenninica
  • 4.3 Il Non Profit

#5 Agricoltura, Cibo e Boschi

  • La Dieta Dell’appennino, Un Cibo D’identità
  • 5.1 Agroalimentare, La Vocazione Dell’appennino
  • 5.2 Agricoltura E Allevamento
  • 5.3 La Filiera Agroalimentare
  • 5.4 I Prodotti Dop E Igp
  • 5.5 I Boschi

#6 Cultura

  • L’ Appennino, Un Ponte Tra Le Culture
  • Vivere In Uno Stato Di Sospensione: La Letteratura Dell’Appennino
  • 6.1 L’appennino, Un Palinsesto Di Cultura
  • 6.2 Luoghi Del Patrimonio E Della Memoria
  • 6.3 Spettacolo Dal Vivo

#7 Sentiment online

  • Internet, Spazio Virtuale Di Relazione E Conoscenza
  • 7.1 Appennino Sul Web
  • 7.2 Popolarità Globale
  • 7.3 Web-Identity Dell’appennino
  • 7.4 Playlist
  • 7.5 Orografia Digitale
  • 7.6 Luoghi Cult
  • 7.7 L’appennino Piace: Il Sentiment

Appendici 

Bibliografia

Ricevi storie di qualità nella tua email

Approfondimenti correlati

05 Ott 2019

Il Direttore di Symbola, Domenico Sturabotti, presenta l’Atlante dell’Appennino in occasione dell’evento “Lo sviluppo delle aree interne e montane” a Cortona, domenica 6 ottobre 2019

News

Uno dei più prestigiosi premi di design in Europa.

04 Apr 2019
29 Nov 2018

Il Manifesto

22 Nov 2018

La presentazione dell’atlante sull’Appennino di Fondazione Symbola presentato all’interno del festival All routes lead to Rome – Tutti gli itinerari portano a Roma, dal 16 al 25 novembre 2018.

10 Nov 2018

Ad Amandola una presentazione dell’Atlante dell’Appennino, promosso dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e realizzato da Symbola col sostegno del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

23 Ott 2018

Elisabetta Rosaspina | Il Corriere della Sera

23 Lug 2018

La naturalità delle aree protette appenniniche, comunemente ritenuta ‘innata’, è invece frutto anche dell’oculata e responsabile azione dell’uomo.

23 Lug 2018

Oggi sono più di dieci milioni i residenti nell’Appennino.

23 Lug 2018

L’analisi dei post pubblicati sul web permette di cogliere anche quali sono gli aspetti più apprezzati dell’Appennino.

Snack

Il più grande lago appenninico, il più grande anche dell’Italia peninsulare, è il lago Trasimeno, quasi 13 mila ettari di estensione.

23 Lug 2018
23 Lug 2018

L’Appennino è anche considerato un grande laboratorio per la conservazione e la valorizzazione della biodiversità.

23 Lug 2018

La popolazione straniera residente in Appennino è pari a quasi 700 mila individui.

Snack

Gran parte della biodiversità animale italiana (circa 500 specie di uccelli e 100 di mammiferi terrestri, senza considerare rettili e anfibi) si trova in Appennino.

23 Lug 2018
23 Lug 2018

Se la Flora italiana, nel suo complesso, include 1371 specie e sottospecie endemiche, l’Appennino ospita molti di questi endemiti.

Snack

Un cantiere geologico, con vette che arrivano a sfiorare i 3mila metri (il Corno Grande raggiunte i 2.912 metri), in cui tutti gli elementi ancora mutano e cercano la loro stabilità.

23 Lug 2018

Snack

Nei post in Inglese il numero maggiore di testi è dedicato al Gran Sasso.

23 Lug 2018
23 Lug 2018

Poco meno di 9 milioni e mezzo di ettari di superficie (quasi il doppio di quella delle Alpi italiane, maggiore di quella del Portogallo o dell’Ungheria) copre un terzo del territorio nazionale.

Snack

Agricoltura e servizi portano al valore aggiunto totale dell’Appennino una quota maggiore di quella che portano a livello nazionale.

23 Lug 2018
23 Lug 2018

Il tracciato dei cammini storici si sovrappone all’Appennino e ne rivela la centralità culturale che questo territorio ha avuto nel passato.

23 Lug 2018

Una superficie enorme che rappresenta una inestimabile risorsa ambientale, paesaggistica, ma anche economica.

23 Lug 2018

Gran Sasso, Aspromonte e Terminillo i monti più citati in lingua inglese.

Snack

Lungo tutta la dorsale appenninica si staglia un fitto reticolo di luoghi della cultura.

23 Lug 2018

Fondazione

Tutti i materiali della terza giornata del Festival della Soft Economy 2018.

06 Lug 2018
06 Lug 2018

Gaia Gennaretti | Il Resto del Carlino Macerata

05 Lug 2018

Ansa.it

Comunicati Stampa

IL 14% DELLA RICCHEZZA ITALIANA PROVIENE DALL’APPENNINO: IN VALORE ASSOLUTO IL PIL PRODOTTO GENERA 203 MILIARDI DI EURO. SONO CIRCA UN MILIONE LE IMPRESE, CHE CORRISPONDONO AL 17% DEL TOTALE. DALL’APPENNINO PROVIENE IL 51% DELLA PRODUZIONE AGROALIMENTARE CERTIFICATA DOP E IGP E IL 37% DI QUELLA VINICOLA

05 Lug 2018
04 Lug 2018

a cura di Federparchi – Europarc Italia

30 Giu 2018

Alessandra Pierini | CronacheMaceratesi.it

Ricerche su Società & Territorio