Realacci: Cucinella curatore del padiglione italiano della Biennale una bella notizia per chi vuol bene all’Italia

Data : 29 aprile 2017

 

“Mario Cucinella curatore del Padiglione italiano della Biennale dell'Architettura 2018 di Venezia è una bella notizia per chi vuole bene all’Italia. Una scelta che premia uno dei talenti più brillanti del Paese, insignito proprio ieri dall’American Institute of Architects del prestigioso Honorary Fellowship Award, che fa onore all’Italia. Non solo perché il progetto con cui ha vinto la selezione mette al centro il modello insediativo diffuso, tipicamente italiano, e ridà la centralità che merita all’Appennino inteso come ‘terra di mezzo’, ma anche perché punta sulla sostenibilità, sulla bellezza, sul senso di comunità, su una ricostruzione sicura per tutti i territori colpiti dal sisma del Centro Italia. E ha solide basi nella ricerca, che ha costantemente caratterizzato il lavoro e l’opera di Mario Cucinella.


La sfida per rilanciare il Paese e per ricostruire i territori feriti dal terremoto passa infatti dalla qualità, dall’innovazione, dalla buona architettura e da una nuova edilizia legata al risparmio energetico, alla sicurezza antisismica, alla rigenerazione urbana, alla corretta gestione del territorio. Una strada che può rendere non solo più sicuri, ma anche più belli e vivibili i nostri territori e le nostre città.


Questi temi saranno al centro del prossimo Seminario Estivo di Symbola, che si terrà a Treia (Mc) all’inizio di luglio e al quale parteciperanno insieme a Mario Cucinella altri protagonisti della sfida della ricostruzione”.


Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, commentando la notizia annunciata da ministro dei Beni e dell’Attività Culturali che l’architetto Mario Cucinella sarà il curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2018 di Venezia.

<< Precedente Successivo >>