REPORT La concia: reti, territori e sostenibilità

a cura di Symbola e Unioncamere

Data : 07 novembre 2011 - 30 novembre -1
Fonte : GreenItaly - La concia: reti, territori e sostenibilità


L’industria conciaria italiana, i cui prodotti sono noti in tutto il mondo per la qualità della lavorazione e lo stile, detiene una posizione di indiscussa leadership a livello internazionale. Nonostante la fase di recessione economica e la forte concorrenza di alcuni Paesi extra Ue che fanno ricorso a pratiche di dumping e a misure protezionistiche, l’Italia realizza il 66% della produzione europea e il 16% di quella mondiale . Il nostro Paese, inoltre, si caratterizza per una forte vocazione all’esportazione, con una quota su valore export mondiale pari al 27,8%: si calcola che quasi una pelle su tre di quelle scambiate tra operatori internazionali sia made in Italy . Il comparto della concia italiana, coerentemente con la struttura del sistema manifatturiero nostrano, è fortemente radicato sul territorio. Il 90% della produzione è realizzata all’interno di tre distretti industriali: quello di Arzignano, in Veneto, quello di Santa Croce sull’Arno in Toscana, e quello di Solofra in Campania.

 

Scarica il report completo nell'area Download

<< Precedente