Rassegna

SALVA

L’economia italiana è morta? La fake news più sbagliata che c’è (e la più dannosa)

Francesco Cancellato | Linkiesta.it

21 Gen 2018 - Redazione

Proviamo a cambiare la percezione che abbiamo di noi stessi. Quella di un Paese che deve difendere con le unghie e coi denti il proprio debito pubblico, il proprio deficit, i propri sprechi perché senza di loro saremmo alla mercé di un mercato globale che ci mangia vivi, nel quale siamo troppo piccoli e deboli per sopravvivere. Quella di un Paese che non si immagina senza un pubblico impiego che assomiglia tanto, troppo, a un parcheggio per inoccupabili. Quella di un Paese che può solo sperare di sopravvivere, perché incapace di competere, né tantomeno di plasmare a propria immagine e somiglianza l’economia globale.

Non è così. Lo ripete da anni una mente lucida e visionaria come quella di Piero Bassetti, secondo cui gli Italici, «le persone che a vario titolo, entrano in contatto con la nostra cultura, con ciò che definisce il nostro modo di vivere e che in qualche modo ne sono cambiate», sono più di trecento milioni in tutto il mondo, «una popolazione che è quasi quanto quella che abita gli Stati Uniti d’America». Lo ricordano, ogni dodici mesi, i dieci selfie di Fondazione Symbola che, per usare le parole di Ermete Realacci, presidente e fondatore di questo sodalizio che promuove le qualità italiane, sono «un promemoria, quasi un censimento, dei nostri talenti».

CONTINUA A LEGGERE

L’economia italiana è morta? La fake news più sbagliata che c’è (e la più dannosa) - Francesco Cancellato | Linkiesta.it

22.01.2018.linkiesta.selfie_1516619865.pdf - 1.35 Mb

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Continua a leggere

20 Set 2019

Raoul de Forcade | Il Sole 24 Ore

Rassegna

Peppe Aquaro | Corriere della Sera

20 Set 2019
19 Set 2019

Fabio Pozzo | Gazzettadimantova.it

19 Set 2019

Alessandra Pieracci | La Stampa