Snack

SALVA

L’APPENNINO E LA REGOLA DI SAN BENEDETTO

La naturalità delle aree protette appenniniche, comunemente ritenuta ‘innata’, è invece frutto anche dell’oculata e responsabile azione dell’uomo.

23 Lug 2018 - Redazione

La biodiversità e la naturalità del territorio hanno a volte anche una matrice culturale. Testimonianza eclatante di questa commistione è quella che lega l’Appennino e la cultura religiosa dei monaci benedettini: in molti dei Parchi nazionali appenninici, infatti, si ritrovano ruderi di monasteri benedettini o costruzioni ancora in uso: Cinque Terre, Arcipelago de La Maddalena, Foreste Casentinesi, Gran Sasso e Monti della Laga, Maiella, Parco Nazionale d’Abruzzo, Asinara, Gargano, Cilento e Vallo di Diano, Pollino, Sila, Isole Tremiti nel Parco Nazionale del Gargano.
A partire dal medioevo i Benedettini hanno dato vita, soprattutto lungo la dorsale appenninica, ad una rete di monasteri, abbazie e luoghi di culto che hanno costituito il punto di riferimento principale (un riferimento spirituale ma anche concreto) di un grande numero di comunità e di insediamenti. Fin dalla sua prima elaborazione la Regola dei Benedettini, infatti, ha operato in una condizione di grande armonia tra la dimensione meditativa e quella lavorativa, introducendo conoscenze di ordine spirituale insieme a tecniche per l’utilizzo delle risorse naturali che hanno costituito una delle basi di supporto e di diffusione delle attività di gestione e manutenzione del territorio. Generando nei fatti un modello locale di sviluppo sostenibile ante litteram, in grado di porre in equilibrio i sistemi di produzione e le ricadute economiche con gli ambiti naturali. In ognuno di questi luoghi, i monaci furono i protagonisti della cura del territorio: predisposero terrazzamenti nelle aree collinari, si occuparono – insieme alle comunità – delle opere di bonifica, della manutenzione dei corsi d’acqua e di quella delle foreste, che spesso contribuirono ad accrescere. La naturalità delle aree protette appenniniche, quindi, comunemente ritenuta ‘innata’, è invece frutto anche dell’oculata e responsabile azione dell’uomo.

Guarda il video sull’Appennino

[Campagna sull’#Appennino promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna; realizzata da Symbola e sostenuta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare]

Ricevi storie di qualità nella tua email

Condividi su

Organizzazioni

Componente Ordinario

Continua a leggere

23 Lug 2018

Il tracciato dei cammini storici si sovrappone all’Appennino e ne rivela la centralità culturale che questo territorio ha avuto nel passato.

23 Lug 2018

Poco meno di 9 milioni e mezzo di ettari di superficie (quasi il doppio di quella delle Alpi italiane, maggiore di quella del Portogallo o dell’Ungheria) copre un terzo del territorio nazionale.

Snack

Lungo tutta la dorsale appenninica si staglia un fitto reticolo di luoghi della cultura.

23 Lug 2018

Snack

Un cantiere geologico, con vette che arrivano a sfiorare i 3mila metri (il Corno Grande raggiunte i 2.912 metri), in cui tutti gli elementi ancora mutano e cercano la loro stabilità.

23 Lug 2018